Salento

 

Alla scoperta del Salento – Il turismo sostenibile nella terra tra Jonio e Adriatico è una guida con indirizzi di parchi, ospitalità, enogastronomia e artigianato in linea con i valori di un turismo di lunga durata.

Utama

Utama, la nostra casa

Utama

Utama. Le terre dimenticate del giovane regista boliviano Alejandro Loayza-Grisi (dal 20 ottobre al cinema con Officine Ubu), già Gran Premio della Giuria al Sundance Film Festival 2022 e candidato dalla Bolivia per concorrere all’Oscar come miglior film non in lingua inglese, è da vedere.

La storia è ambientata in uno dei territori più esposti e vulnerabili ai cambiamenti climatici sulla Terra, e racconta il costo umano di questa modificazione.

Protagonista è la terra, l’altipiano andino della Bolivia, oltre 3.500 metri sul livello del mare, che soffre: da tempo qui non piove, non c’è neve sulle montagne, e tutto sembra stia agonizzando. Un’anziana coppia di Quechua allevatori di lama, affrontano, con altri abitanti del luogo, questa terribile situazione.

utama

Non c’è acqua, Sisa (Luisa Quispe) deve andare sempre più lontano per procurare il bene prezioso, i lama al pascolo soffrono e si ammalano, e nonostante tutto Virginio (José Calcina) non vuole saperne di spostarsi da lì, il suo legame con la terra e con la montagna dove è nato e dove ha sempre vissuto è troppo forte.

E quando arriva il nipote Clever (Santos Choque), per cercare di convincere i nonni ad andare in città, la risposta di Virginio è il rifiuto, quasi aggressivo, di abbandonare la propria casa (Utama) e le proprie tradizioni.

utama

FotoArtwork

“Camminare mi tiene in vita” è la risposta del nonno a Clever, che gli obietta la fatica di portare al pascolo i lama ogni giorno, a chilometri di distanza dalla piccola abitazione alle pendici della montagna dove vive la coppia. E mai come in questo caso, ciò è vero: Virginio è molto malato e cerca di tenerlo nascosto, sebbene la sua visione di un condor gli abbia comunicato un presagio inquietante. Ma con l’arrivo del nipote il problema viene a galla. Sisa, compagna e donna mediatrice, ascolta, ma sa anche lei che il suo uomo non cederà. “Se andiamo via la nostra terrà sarà ridotta al silenzio”.

E mentre tutto sembra scivolare verso una fine, Clever annuncia un nuovo inizio.

utama

Gli ampi paesaggi, le riflessioni e i ritratti che mettono in risalto gli sguardi profondi dei personaggi sono i miei strumenti per raccontare una storia che interroga profondamente le questioni sociali, ambientali e umane in questi tempi di cambiamento” dichiara Loayza-Grisi tra i primi registi a portare sul grande schermo il fascino e la crudezza di una terra poco rappresentata, quasi dimenticata, con la splendida fotografia di Barbara Alvarez. Il tutto arricchito da poche parole, sguardi intensi e semplici e vitali gesti quotidiani di sopravvivenza.

Utama si è aggiudicato anche il Premio del Pubblico al Festival del cinema spagnolo e latinoamericano, diretto da Iris Martín-Peralta e Federico Sartori, che si è appena concluso a Roma.

Giornalista e Photoeditor, ho iniziato a lavorare nelle riviste di viaggio molti anni fa, ed è stato subito amore! Mi sono poi interessata di benessere ed ecologia e ho sommato queste passioni nella mia creatura: Ecoturismonline. Sono nella NEOS, associazione italiana di giornalisti e fotografi di viaggio. Vivo a Milano e in Toscana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.