ecosostenibili

ECO JOURNEYS

Viaggi nel mondo da fare a cavallo, a piedi, in bici, in canoa. Con foto, mappe, informazioni e suggerimenti.

apulia felix

In Fiera l’esperienza di Apulia Felix

apulia felix

Apulia Felix in Masseria – Il Tratturo dell’olio e del Rosato con TERRA – Matrice dei territori, cibo, benessere, è uno dei due progetti pugliesi tra i 25 italiani parte di Expo e territori, iniziativa per conoscere da vicino le eccellenze agroalimentari italiane nell’ambito di Expo 2015.

Il programma, rivolto ai turisti che scelgono la Puglia soprattutto per la sua enogastronomia e la sua cultura, offre eventi itineranti, cominciati lo scorso maggio fino alla fine di ottobre, dalla provincia di Foggia a quella di Lecce.

Sono coinvolte masserie didattiche, veri e propri luoghi in cui si custodiscono i segreti e i sapori della dieta mediterranea, nonché “presidi” delle maggiori aree di produzione del vino e dell’olio pugliese, oltre a cantine, aziende olivicole e frantoi.

Apulia Felix vuole rappresentare la relazione del prodotto tipico con il suo territorio (storia, arte, stile di vita), ed è un viaggio alla scoperta dei luoghi di produzione, del patrimonio culturale e paesaggistico, delle tradizioni e dell’ospitalità.

L’esperienza di Apulia Felix sarà al centro del workshop in programma giovedì 17 settembre alle 15.30 nella Sala Conferenze del Padiglione 18/Salone dell’Agroalimentare della Fiera del Levante.

A coordinare i lavori sarà Angelica Anglani, Responsabile Rete Masserie Didattiche Puglia e Referente del Progetto Apulia Felix in Masseria.

Gli interventi saranno invece a cura di Rosa Fiore (Dirigente Servizio Alimentazione – Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Regione Puglia), Francesco Carabellese (Invitalia – Progetto Expo e Territori), Annamaria Cammalleri (Direttore Generale Ufficio Scolastico Regionale), Raffaele Fragassi (MIUR – coordinatore della rete Istituti Agrari Puglia). Le conclusioni saranno affidate all’Assessore alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia, Leonardo Di Gioia.

Seguiranno le testimonianze delle masserie didattiche coinvolte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.