ecosostenibili

ECO JOURNEYS

Viaggi nel mondo da fare a cavallo, a piedi, in bici, in canoa. Con foto, mappe, informazioni e suggerimenti.

run5.30

Di corsa all’alba

run5.30

Zero impatto ambientale, luogo di partenza e arrivo perfettamente puliti pochi minuti dopo la fine dell’evento, grande attenzione ai prodotti utilizzati, recupero dei materiali pubblicitari, ristoro di frutta fresca di stagione, staffette in bicicletta, segnakilometri umani, niente gonfiabili e rumore di generatori, utilizzo essenziale di strutture sul luogo di partenza/arrivo… una corsa green in città!

 “Proponiamo idee e progetti per favorire il benessere delle persone nel contesto in cui vivono e lavorano. Le attività puntano su movimento, corretta alimentazione e sane abitudini di vita.
Una nuova comunicazione facilita percorsi virtuosi nella comunità in cui viviamo“.

Questo è il messaggio di Sergio Bezzanti, ideatore con Sabrina Severi degli appuntamenti della RUN5.30.

Sergio è presidente dell’ASD Vaniglia, associazione che ha come scopo migliorare la qualità di vita della comunità in cui opera attraverso l’attività fisica, il cibo, l’arte e l’esperienza: è un pubblicitario e uno sportivo. E’ stato Triathleta Ironman alle isole Canarie e per prepararsi a quella gara di triathlon ha iniziato a praticare attività fisica il mattino presto.

Sabrina è biologa, specialista in scienze dell’alimentazione, nutrizionista ed esperta in sani stili di vita in ambito sportivo. Autrice di numerosi articoli scientifici, insegna nella scuola di specializzazione in Scienza dell’Alimentazione – Facoltà di Medicina e Chirurgia. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.

Abitudini che migliorano la qualità della vita quotidiana

RUN5.30 è un evento speciale, parte di un ampio progetto, per stimolare la pratica quotidiana dell’attività fisica in un orario insolito ma perfetto per iniziare bene la giornata.

È una camminata di cinque Km non competitiva in un giorno feriale nel cuore della città, toccandone i punti più belli. Le ultime edizioni sono state a Venezia, Bologna, Modena, Torino, Milano… Si tiene nel periodo dell’anno che va da maggio a luglio, durante la stagione in cui si è più stimolati a muoversi e quando c’è la luce giusta per assaporare l’emozione di partire al sorgere dell’alba: alle 5.30, appunto.

RUN5.30 sta tutta in un furgone, arriva in città alle 2 del mattino e la lascia alle 7 pulita come prima.

C’è un limite al numero dei partecipanti, perché “vogliamo sorridere a tutti”, niente ressa e niente stress! Funziona molto il passaparola, no alla pubblicità che porterebbe a troppa gente che poi rimane esclusa dall’evento. Da fine gennaio ci si può iscrivere sul sito, il costo è di 10 euro.

Partecipare all’evento permette alle persone di ogni età di riscoprire il potere benefico del movimento quotidiano e della sana alimentazione, grazie al ristoro di frutta e prodotti del territorio, predisposto dagli organizzatori: ad esempio, al traguardo si può trovare un bicchiere colmo di ciliegie di Vignola come prima colazione.

L’approccio graduale alla città la mattina presto permette di scoprirne un nuovo aspetto e la poca gente che s’incontra è più disponibile ed è più facile entrarci in relazione…

Incontriamoci!

Un paio di giorni prima dell’evento gli organizzatori arrivano nella città dove avverrà la camminata per distribuire tshirt (che cambia colore ogni anno), pettorale (anche se non è una competizione, ma è richiesto dai partecipanti come segno tangibile della loro partecipazione alla corsa), adesivo e passaporto con timbro di ogni città nella quale la persona ha partecipato all’evento.

“Questa è l’occasione per incontrarsi. Noi portiamo il parmigiano reggiano, le ciliegie, il Bensone (dolce tipico di Modena con marmellata di amarene), acqua o tè da offrire a chi viene a ritirare il proprio kit dopo essersi iscritto. Una piccola degustazione per socializzare e sorridersi”, dice Sergio.

Progetti per giovani

RUN5.30 è stato portato nelle scuole secondarie superiori, proponendolo come una trasgressione positiva ai ragazzi, che spesso non fanno sport: a Modena già funziona in cinque istituti.

A Milano il prossimo ottobre, presso il carcere di San Vittore, partirà il progetto rivolto ai giovani di 20-25 anni per stimolarli a praticare attività fisica e mantenersi in salute anche con l’alimentazione: con l’augurio di adottare sani stili di vita anche usciti da lì.

Un consiglio da parte degli organizzatori di RUN5:30: “Lasciate da parte l’agonismo (in questa manifestazione), godetevi la città, ricercate la semplicità in tutto ciò che fate, togliete invece di aggiungere”.

Noi l’anno prossimo ci saremo, e voi?

www.run530.it

Giornalista e Photoeditor, ho iniziato a lavorare nelle riviste di viaggio molti anni fa, ed è stato subito amore! Mi sono poi interessata di benessere ed ecologia e ho sommato queste passioni nella mia creatura: Ecoturismonline. Sono nella NEOS, associazione italiana di giornalisti e fotografi di viaggio. Vivo a Milano e in Toscana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.