Salento

 

Alla scoperta del Salento – Il turismo sostenibile nella terra tra Jonio e Adriatico è una guida con indirizzi di parchi, ospitalità, enogastronomia e artigianato in linea con i valori di un turismo di lunga durata.

monestevole

Monestevole – Umbria

Borgo sostenibile nel cuore verde d’Italia

monestevole

Ci siamo quasi: il 21 marzo apre Tribewanted Monestevole, sulla cima di una collina circondata da 38 ettari di oliveti e boschi di querce, vicino alla città di Umbertide, nell’alta valle del Tevere.

Monestevole era nel Quattrocento la torre di avvistamento per il vicino castello e nel corso dei secoli ha subito varie modifiche architettoniche.

Utilizzato come borgo agreste, fu abbandonato nel 1950; nel 1997 Alessio Giottoli e Valeria Cancian l’hanno acquistato. Dopo un restauro durato tre anni, la struttura diviene l’Agriturismo Monestevole, dotato anche di uno studio di registrazione musicale.

E qui entra in gioco Tribewanted che collabora con Alessio e Valeria per rilanciare Monestevole come comunità sostenibile in Umbria, caratterizzata anche dall’utilizzo di energia rinnovabile, biomassa, riciclo delle acque e dei rifiuti, fitodepurazione, compost, permacultura, bioedilizia, una piscina biodinamica e serre nell’orto.

Ciò che si produce qui (frutta, verdura, cereali, carni, olio, vino, marmellate e miele) è locale, stagionale e biologico.

Una fruttuosa vacanza!

Monestevole accoglie nelle sue belle camere di vario tipo, restaurate di fresco, essenziali ed eleganti, molto piacevoli, sia gli ospiti sia i tribe members, ossia coloro che hanno aderito alla missione di Tribewanted per reclutare e finanziare insieme 10 comunità ecosostenibili nel mondo (per saperne di più leggi qui)e che quindi pagano un prezzo scontato.

Colazione, pranzo e cena sono compresi nel soggiorno – si mangia tutti intorno a un tavolo – ma la pulizia della propria stanza è a carico dell’ospite.

A Monestevole si va per farsi una vacanza, per rilassarsi, per ricaricarsi di energia, per stare a contatto con la natura (tra cavalli, pecore, mucche, maiali polli, pavoni, gatti, cani) e con le cose semplici, per visitare le città e i borghi d’arte che sono nei paraggi… Ma si va soprattutto per partecipare e imparare, e ciò che si è acquisito lo si porta a casa per cambiare il proprio stile di vita.

E, infatti, dopo l’apertura (per tutto febbraio c’è un concorso per vincere un soggiorno a Monestevole), sono in agenda molti workshop su temi che vanno da come potare un albero, seminare, raccogliere frutta a come fare miele e marmellate, costruire un sistema di fitodepurazione, corsi di cucina, di falegnameria e così via.

Tribewanted Monestevole assume contadini e artigiani di Umbertide, per insegnare ai tribe-members le vecchie tradizioni culinarie e artigianali locali.

Mission

L’obiettivo di Tribewanted è dimostrare come sia possibile vivere in modo sostenibile non solo in luoghi remoti ed esotici – vedi le felici esperienze di comunità sostenibili, create dai due soci fondatori Ben Keene e Filippo Bozotti, alle Fiji e in Sierra Leone – ma anche nei paesi sviluppati, nei centri urbani e nelle nostre case, dimostrando come questo stile di vita sia non solo replicabile, ma anche auspicabile per il nostro futuro.

“In Italia, vogliamo preservare e celebrare le piccole realtà, l’artigianato locale, spingere i giovani a tornare in campagna e, allo stesso tempo, costituire un nuovo e più accessibile luogo di riferimento per i tribe-member”.

Tribewanted Monestevole

Loc. Monestevole 492, Umbertide PG

Tel. +39 075 9415569

monestevole@tribewanted.com

beta.tribewanted.com

Giornalista e Photoeditor, ho iniziato a lavorare nelle riviste di viaggio molti anni fa, ed è stato subito amore! Mi sono poi interessata di benessere ed ecologia e ho sommato queste passioni nella mia creatura: Ecoturismonline. Sono nella NEOS, associazione italiana di giornalisti e fotografi di viaggio. Vivo a Milano e in Toscana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.